Freelance Internet

La zanzariera: una storia di scambio di servizi

A volte situazioni fortuite possono portare dei vantaggi economici sfruttando la nostra professione per scambi di servizi.

 

Illustrazione di Sara Frattini

 

Ieri è venuto a casa mia il tecnico di una ferramenta per montarmi le zanzariere che ho acquistato.
Mentre montava si chiaccherava tranquillamente di quanto bella fosse la costa pugliese del Salento visto che lui era reduce da un viaggio da quelle parti. Io da buon salentino spalleggio volentieri l’argomento ed entriamo subito in sintonia.
Ad un certo punto la domanda che introduce l’argomento, riporto il dialogo:

“Ma tu Alessandro, che lavoro fai, non sarai mica uno sbirro?”

sarà il terzo operaio che viene a montare qualcosa a casa mia che mi fa questa domanda…avrò la faccia da sbirro o sono preoccupazioni legate allo loro attività?

comunque rispondo : “ faccio il grafico.”

Operaio:  “…”

Sento di dover aggiungere qualcosa
“disegno le pubblicità, quelle che si vedono sulle riviste, i siti web.”

“aah bello, lavori con il computer allora?”

“Sì, certo.”

“Quindi tu sai fare un sito web, mi puoi aiutare? è da tanto che cerco qualcuno.”

io: “Volentieri, cosa ti serve esattamente?”

“Io non ne capisco niente, ma c’ho già un sito che si chiama laferramenta@gmail.it, solo che se lo scrivo per cercarlo non mi esce niente, tu sai dirmi cosa è successo?”

io – pausa di riflessione, cerco le parole adatte
“ma quello non è un sito web è un indirizzo di posta, sono cose diverse.”

Operaio: “ah ecco vedi…mi sembrava che c’era qualcosa di strano…io vorrei che la gente che ci cerca su internet possa trovare una nostra pagina…una mappa con la strada, il mio numero ed i servizi che faccio….molto semplice non mi serve altro, mi puoi aiutare?”

“certo posso farti un piccolo sito per presentare la tua attività.”
tralascio la parte di dialogo in cui ho provato a spiegargli qualcosa sullo spazio web, il nome del dominio da prendere, tanto lui annuiva passivamente.


“Ok sono contento Alessandro, ti tratto bene con questa zanzariera così puoi trattarmi bene anche tu quando mi fai il tuo prezzo” –  e mi toglie 50 euro dai 400 euro che gli dovevo. (lui è calabrese, in questo passaggio ho intuito tutta la solidarietà meridionale!)


“Ma certo grazie, molto volentieri.”

Torno con lui nella ferramenta, prendo un po’ di appunti sulle categorie merceologiche, sui servizi e qualche marchio importante di cui è rivenditore e, dopo una panoramica generale sui prezzi dei siti web,  concordiamo che il mio prezzo di favore stracciatissimo è di 350 euro, come la zanzariera.

Lui contentissimo, pensa di essere stato trattato molto bene, io lo stesso, visto che praticamente ho avuto una zanzariera in cambio di una semplicissima landing page da non oltre 2 ore di lavoro.

Nulla di premeditato, è stata un’occasione colta al volo così com’è venuta. Certo, durante il dialogo mentre provavo a spiegare cos’è un sito, facevo leva sulla sua necessità di avere almeno una paginetta on line per fargli pesare la sua lacuna (avevo già intuito dove andavo a finire) e su questo un po’ di esperienza aiuta di sicuro.

Il passaggio fondamentale è stato quello di non proporgli nulla di esagerato – cliente semplice, esigenza minima – avrei potuto dirgli e proporgli un sacco di cose anche più costose, ma ho capito subito il target e fargli lo stesso prezzo della zanzariera è stata probabilmente per lui la soglia psicologica che ci ha fatto subito stringere la mano. Proporgli di più di quanto spendevo io, probabilmente lo avrebbe fatto pensare un pò troppo.

Lo scambio di servizi è una metodologia/strategia utilissima per il freelance, io la uso da anni nel mio settore professionale, scambiando servizi di grafica con servizi che altrimenti dovrei pagare (nel mio caso legati sopratutto al codice delle pagine). 
Non sempre è una forma di guadagno perché il valore di quello che fai e del tempo che dedichi ha comunque un costo, ma puoi avere un vantaggio anche solo andando in pari o perdendoci un po’ nell’immediato, perché instauri una relazione. Crei un ponte tra te (quello che fai) ed un’altra persona (professionista o azienda) mantenendo un contatto duraturo che nel tempo va oltre il tuo scambio di servizio portandoti altri lavori.

Anni fa cercavo una palestra in cui allenarmi, ne trovai una che aveva un sito internet malconcio, intuii la sua necessità e ci andai a parlare. Barattai il sito con un anno di palestra per due persone. Ma ora anche se in palestra io e mia moglie non andiamo più il vantaggio è rimasto: il proprietario della palestra infatti mi ha commissionato, questa volta a pagamento, un altro sito per un’associazione sportiva. Siamo in contatto: lui sa di avere il grafico di fiducia, io quando vorrò tornare in palestra so già dove andare. Ed i miei biglietti da visita sono sul suo bancone all’ingresso.

 

Banner GraficaShop

Sull'autore

Sandro Tempesta

Sandro Tempesta

Graphic designer & digital strategist freelance.
Con un occhio di riguardo per le tamatiche legate alla grafica ed al web, questo blog è dedicato a tutti coloro che vogliono avvicinarsi al mondo della comunicazione on line.
Leggi la presentazione

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: